Il Berretto a sonagli

Il Berretto a sonagli

postato in: la prosa, Programma

Sabato 24 novembre 2018 ore 21,00

Compagnia Stabile Teatro Govi

Il Berretto a sonagli

di Luigi Pirandello

regia di Claudio de Martino

La signora Beatrice Fiorica, corrosa dalla gelosia, vuole denunciare al delegato Spano’, amico di famiglia, il tradimento del marito, cavalier Fiorica,
con la giovane moglie del suo scrivano Ciampa, anziano e a conoscenza dei fatti, che tollera la situazione purché venga salvato il suo“pupo”, cioè
la sua rispettabilità e la“faccia”. Inutilmente Ciampa cerca di evitare la denuncia tentando di persuadere la signora Beatrice a girare la corda “seria”,
quella che fa ragionare ed evita i disastri. Secondo Ciampa portiamo tutti sulla fronte tre corde come d’orologio: la seria, la civile e la pazza. Dovendo
vivere in società, ci serve la civile, che sta in mezzo alla fronte; sulla tempia destra c’è la corda seria, per parlare seriamente, a quattr’occhi; a
sinistra c’è la corda pazza…quella che fa “perdere la vista degli occhi… ed uno non sa più quello che fa”. Ma la signora Beatrice non ci vuol sentire da
quell’orecchio e fa scoppiare lo scandalo, ma tutta la famiglia le va contro, la madre, il fratello, la serva e così alla fine il delegato cerca di far apparire
che non c’è stato alcun rapporto tra il cavaliere e la giovane Nina Ciampa. Ma é proprio al Ciampa, al marito tradito, che la cosa ora non va più bene,
egli é offeso e ferito, tutti sanno ora, dopo tutto quel chiasso, che porta “il berretto a sonagli”, il cappello da buffone e da becco, e vuole la rivincita.

foto-6 foto-8foto-5