Parola d’ordine: disordine!

SABATO 22 GENNAIO , ORE 21,00

Info Biglietti

Interi € 15,00

Ridotti € 13,00

PRENOTA
autore

di e con Silvia saponaro

Parola d'ordine: disordine.

Parola d’ordine: disordine.

Più di un semplice monologo comico, un vero e proprio viaggio nella mente di una giovane donna, in cui l’assurdo e il gioco di parole regnano sovrani, alla ricerca di una risposta alla grande domanda: siamo schiavi del nostro pensiero? Un vortice di personaggi, risate, emozioni e musica dal vivo. Pensateci.

SILVIA SAPONARO

Silvia Saponaro Attrice, autrice, regista e formatrice teatrale.

Calca le scene dall’età di sei anni e da allora continua ad alimentare la propria passione per il teatro fino a farla diventare la propria vita. Dopo aver frequentato svariati corsi teatrali a Torino e a Milano (fra i quali la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani di Torino e l’Accademia Nazionale del Comico a Milano) si forma presso l’Atelier Teatro Fisico di Philip Radice, dove consegue il diploma del percorso Performing Arts University. Da dieci anni crea e porta in scena spettacoli e performance in vari teatri e piazze italiane. Come socia fondatrice di tre associazioni operanti nel mondo artistico performativo ha rivestito i ruoli di presidente, gestione operativa e artistica, team builder. Mettendo a frutto i suoi studi sulla relazione fra le tecniche attoriali e le quotidiane esigenze comunicative interpersonali, dal 2015 sviluppa ed eroga corsi di formazione a privati, professionisti e imprese. Nel 2018 entra a far parte della compagnia Le Musichall di Torino, con la direzione artistica di Arturo Brachetti. Nello stesso anno crea l’etichetta artistica indipendente ShockArti attraverso cui offre spettacoli, performance e corsi di formazione.  Dopo gli studi accademici crea e interpreta cinque spettacoli teatrali di genere comico, differenti per stile e tipologia, e una serie video destinata al mondo del web. Le sue creazioni raccontano e indagano la natura umana e le diverse sfaccettature che ne emergono, prediligendo sempre uno sguardo comico e ironico sui drammi della vita quotidiana.